Il mio sogno si avvera

Dopo aver assistito alla presentazione, mi sono messa in coda con le altre fans, per incontrare il grande Tony Hadley, è il mio idolo sin da quando ero ragazzina, ero emozionata, di poterlo finalmente incontrare! Gentilissimo, dolcissimo e disponibile, abbiamo chiaccherato 2 minuti, mi ha autografato il suo cd, e abbiamo fatto foto insieme! Un sogno che dura da anni, tantissimi anni, finalmente si è realizzato. Bellissimo regalo di Natale, non potevo chiedere di meglio, grazie Tony!

Photos by Clodina’s curvy world.

© Riproduzione riservata

tony

Tony

20151214_192500

Tony

tony autografo

Tony mi autografa il suo album

20151214_194109-1

Claudia e Tony

tony

 

Tony Hadley presenta “The Christmas Album”

Tony Hadley ,  reduce del concerto-reunion con la sua band, gli Spandau Ballet, e dopo aver presentato in radio ed alla stampa il suo progetto natalizio  da solista ,  incontra i fans, per parlare  del suo  “The Christmas Album”, uscito il 27 Novembre. L’album, voluto  e prodotto da Claudio Guidetti  della Universal Music , è stato registrato in Italia con musicisti italiani, Tony scherzosamente dice che è l’unico straniero. Continua a leggere

Spandau Ballet il concerto!!!!!!


 

Dopo il «Reformation Tour», che nel biennio 2009/2010 ha celebrato la loro reunion, gli Spandau Ballet  tornano  in concerto a Milano con il greatests hits The Story: The Very Best Of Spandau Ballet. Il live di martedì 24 marzo al Mediolanum Forum, inizia con l’inedito «Soul Boy» seguono i classici Highly Strung e Only When You Live, ripercorre una carriera da oltre 25 milioni di dischi venduti nel mondo fino all’apoteosi finale con le hit True, Through The Barricades e Gold.

Tony Hadley, Steve Norman, John Keeble e i fratelli Martin e Gary Kemp nella prima parte dello show eseguono i recenti singoli This Is The Love e Steal, i tre brani nuovi, con Soul Boys,  inseriti nella raccolta The Story: The Very Best Of Spandau Ballet in attesa di un intero disco di inediti. Il resto del concerto è un ricordo dei successi senza tempo come I’ll Fly For You Lifeline, How Many Lies, Round And Round e Communication.

Il concerto è stato bellissimo, emozionante, e la voce di Tony Hadley è meravigliosa! Dalla 14esima fila dove ero seduta, sono arrivata sin sotto al palco, a pochi metri da loro, l’emozione cresceva sempre di più!! Il Mediolanum Forum era pienissimo, persone che cantavano insieme a Tony, le hit passate, ma anche i bravi nuovi. La voce di Tony Hadley, potente meravigliosa e migliorata ancora di più, Tony per me è la voce!! Sono passati gli anni, da quando erano ragazzini, vestiti anni ’80. Ora sono 5 uomini poco più che cinquantenni, ma hanno quella grinta di sempre, che li rende magici come allora. Un’esperienza fantastica che porterò sempre nel cuore!!! Grazie Spandau Ballet!!!!!

After the ‘Reformation Tour’, which in the years 2009/2010 celebrated their reunion, Spandau Ballet back in concert in Milan with Greatests hits the Story: The Very Best Of Spandau Ballet. The results of Tuesday, March 24 at the Mediolanum Forum, the novel begins with “Soul Boy” follows the classic Highly Strung and Only When You Live, traces a career more than 25 million records sold worldwide until the final apotheosis with the hit True, Gold and Through The Barricades.

Tony Hadley, Steve Norman, John Keeble and brothers Gary and Martin Kemp in the first part of the show running the latest single This Is The Love and Steal, the three new songs, with Soul Boys, included in the collection The Story: The Very Best Of Spandau Ballet waiting for an entire disc of unreleased. The rest of the concert is a reminder of the timeless hits like I’ll Fly For You Lifeline, How Many Lies, Round And Round and Communication.

The concert was beautiful, exciting, and the voice of Tony Hadley is wonderful! From the 14th row where I was sitting, I arrived early in the stage, a few meters from them, the excitement grew more and more !! The Mediolanum Forum was very full, people singing along with Tony, hit the past, but also the good new. The voice of Tony Hadley, wonderful and powerful improved even more, Tony for me is the voice !! The years have passed, since they were kids, clothes 80s. 5 men now are little more than fifty years old, but the unflagging determination, making them magical as it was then. A fantastic experience that I will always carry in the heart !!! Thanks Spandau Ballet !!!!!

Con i ragazzi di Chica Vampiro

con i ragazzi di Chica Vampiro Greeicy,Santiago,Lorena e Eduardo foto:clodinascurvyworld

con i ragazzi di Chica Vampiro Greeicy,Santiago,Lorena e Eduardo foto:clodinascurvyworld

Claudia e Eduardo Perez

Claudia e Eduardo Perez

Alla fine del concerto, abbiamo conosciuto i ragazzi di Chica Vampiro, Greeicy, Santiago, Lorena ed Eduardo, sono simpaticissimi e dolcissimi, abbiamo parlato e sono stati gentilissimi. I miei bambini sono rimasti contentissimi, ed ancora non ci credono. Abbiamo fatto altre foto, ma visto che ci sono i bambini nelle foto, e non mi piace diffondere le loro immagini, metto solo questa. Carinissimi ci hanno anche fatto gli autografi. La giornata bellissima già di suo, non poteva finire meglio!!!

Thank you…… Grazie

9uxFWit

thank-notes

Vorrei ringraziare tutti coloro che passano dal mio blog,sia i fedelissimi che mi seguono sempre,sia chi mi trova per puro caso tramite internet. Mi fa piacere trovare un mi piace,un commento da tutti voi,e ringrazio anche tutti coloro che mi scrivono chiedendo un consiglio,sia nel vestire che nel pettinare. Non mi piace però trovare come commento passa dal mio blog,infatti ho deciso che lo eliminerò ,se scrivi qualcosa va bene,ma non voglio più che si passa solo per questo motivo. Come ho scritto non sono un’esperta,ma lo faccio per hobby e passione,ho fatto un corso che mi è servito tanto, per capire le fisicità delle persone e per aiutarle a valorizzarle, quindi un pò di cose le so. Mi fa piacere che oltre all’Italia il mio blog è visto anche in altri stati,come Germania,Inghilterra,America,Francia,Australia,Irlanda,Ungheria,Bulgaria
Svizzera,e altri che non ricordo. Cerco sempre di dare consigli interessanti e
che possono servire ad ognuno di voi,e non è facile trovare sempre l’argomento
adatto,mi piace dare spunti per uno stile adatto ad ognuno di voi,sia per le
fisicità che per le personalità. Non è un blog con solo foto di outfit,ma
vorrei trattare argomenti vari e utili,per aiutare ad avere un proprio stile e
che ognuno di noi è fatto in un certo modo,e quello che va bene per uno non va
bene per l’altro. La moda siamo noi,solo noi possiamo capire cosa ci sta bene e
cosa invece non ci valorizza, e se capiamo cosa è adatto al nostro fisico,in
ogni occasione ci sentiremo a nostro agio,ed è quello quello che voglio,che ognuno si senta a proprio agio con quello che indossa.
Concludo con dire che è bello ricevere mail dove mi ringraziate per quel post che vi è stato utile,o per il consiglio che vi do vi ha aiutate molto,mi fa davvero
piacere! Ho trovato persone bellissime tra le blogger che ho conosciuto,ed ènata un’amicizia, come con Alvuela,Beatrice, Laura, e tante altre!! Quindi grazie a tutti per seguirmi By Clodina

I would like to thank all those who log in on my blog , both my faithful followers , and those who find me by chance on the net. It gives me great pleasure to find a ‘ like’ or a comment from you all. I also thank all those who write to me asking for advice regards how to dress and style hair. However, I do not appreciate invitations to visit other blogs. Should you write something, that’s fine, but please do not make it your only intention.As I have said, I’m no expert , but fashion is my hobby and passion. I took a course that helped me immensely as how to understand people’s looks and how to help them enhance them. It pleases me enormously that my blog is not only seen in Italy but also in other countries, such as Germany, England, America, France , Australia, Ireland , Hungary, Bulgaria Switzerland , and others whom I do not remember.
I always try to give advice or something of interest which could be useful for each one of you:
it is not always easy to find the appropriate topic.
I like to give ideas for a personal,suitable style appropriate for each one of you, that suits not only your looks but also your personality. It is not just a blog with photos and outfits , but I like to deal with various topics and help each person according to their own particular style. We are all made differently and what works for one person doesn’t necessarily work for another. We are fashion and each one of us has to tune into what is good for us personally. If we understand what is suitable for our looks we will feel at ease , and that is what I ‘m aiming at… I conclude by saying how lovely it is to receive mail where you thank me for your post and tell me that it has been helpful….it is such a pleasure!
I have found such beautiful people among the bloggers … I’ve formed
friendship’s such as with Alvuela , Beatrice and Laura , and many more ! So thank you all for following me!
Clodina

Intervista a …. Carla Gozzi

clodina's curvy world le interviste
claudie e carlaaa

Ecco l’intervista con la favolosa Carla!!
D:  Carla cos’è per te lo stile?
R: Lo stile è sicuramente eleganza e naturalezza
D: Cosa non deve mai mancare nel guardaroba di ogni
donna?

R:Nel guardaroba di ogni donna non deve mai mancare il Little Black Dress (tubino nero) e la sottoveste o in raso oppure in seta. Continua a leggere

Intervista a… Enzo Miccio

clodina's curvy world le interviste
Intervista a... Enzo Miccio

L’intervista a Enzo Miccio…consigli per …Un matrimonio da favola!!
 D: Il matrimonio perfetto. Tutte lo sognano, ma è difficile non cadere nel troppo. cosa non deve mai mancare?e cosa invece è troppo?
R: Non devono sicuramente mancare i fiori, ma attenzione che siano in armonia fra loro e con gli allestimenti in generale, soprattutto per quanto riguarda i colori.
Altro elemento imprescindibile: la wedding cake! É qui che si raggiunge il clou del wedding party e tutto deve essere perfetto: dalle luci, alla musica, alla scenografia e, ovviamente, la torta in se deve stupire ed incantare il palato come degna conclusione del banchetto. Continua a leggere

Diego per te, on tour


Diego Dalla Palma, maestro, guru d’eccellenza, del make up, e dell’hair stylig, porta in tutta Italia i suoi consigli, con il suo Diego per te on tour. Adoro e ammiro molto Diego, persona bellissima in tutti i sensi, e ho voluto darmi l’opportunità di conoscerlo, finalmente dopo tanti anni in cui lo seguo. Continua a leggere

Pizzi e Perle a Milano

11940088_10153706863559672_176877927_o

Press Day Pizzi e Perle 22 settembre 2015

Pizzi e perle presenta a Milano le nuove collezioni bijoux autunno/inverno 2015-16

Pizzi e Perle, il brand di gioielli realizzati a mano in soutache da Rosangela Manca, sbarca a Milano in occasione della Vogue Fashion Night’s Out, che anticipa la Milano Fashion Week, per presentare alla stampa la sua nuova collezione autunno/inverno 2015/16.

Pizzi Perle, brand prettamente artigianale, che si occupa del design e realizzazione di gioielli artistici, unici nel loro genere, nasce nel 2010. La tecnica utilizzata per la realizzazione dei manufatti, oltre alla lavorazione e assemblaggio di pietre semi preziose, viene chiamata “Soutache”. Tale tecnica consiste nell’utilizzare piattine di seta che vengono cucite interamente a mano attorno a cristalli, Swarovski, resine ecc. realizzando così gioielli di grande effetto ed eleganza. Ogni gioiello è una vera e propria opera d’arte, unica e non riproducibile, garantendo l’esclusività del prodotto sia per chi la realizza che per chi la acquista. La collezione autunnale 2013, è stata presentata alla fiera internazionale dell’artigianato di New York con grande successo

Numerose le partecipazioni ad eventi, sfilate di moda e mostre estemporanee. Sono stati realizzati gioielli per personaggi dello spettacolo e della politica italiana.

La nuova collezione autunno inverno 2015 è caratterizzata dal tripudio di colori che si uniscono in modo armonico, dando vita a gioielli unici e importanti.

Ogni gioiello è un pezzo unico cucito interamente a mano e spesso può presentare delle imperfezioni, segno dell’artigianalità dell’oggetto ma proprio questo rende esclusivi e ricercati i gioielli Pizzi e Perle.

La sua ideatrice, Rosangela Manca, ha partecipato al BOTB, il grande concorso mondiale di perline con il gioiello Abbraccio di Iside che ha sfilato ad Amburgo. Inoltre, per il 2016, sarà la nuova insegnante di soutache alla fiera Abilmente di Roma.

Pizzi e Perle vi aspetta, quindi, il 22 settembre 2015 dalle 10.00 alle 18.00 per il suo press day presso lo showroom di Manuela Caminada, in Via Leopardi 2 – Milano!

www.pizzieperle.com

Press e photo courtesy Anna Pernice

Sebastiano Di Rienzo al Concours D’Elegance

_MG_6586 ok

1

2

La quinta edizione della manifestazione glamour “24 ore di Elegance – Concours d’Elegance & Salon of Excellence” , evento esclusivo a cura di Cristina Egger e Aleksandar Djordjevic, veri scopritori di talenti, si terrà il prossimo 11/13 settembre a Belgrado presso il Royal White Palace.
Una Serbia diversa, dopo tanti anni di dolore per la guerra, con il coraggio e la voglia di ricominciare partendo dalla cultura del bello e dell’eleganza. Un evento per insegnare la bellezza del fashion, diffondere l’eleganza, con i suoi codici, i simbolismi, le sue dietrologie, proprio come se fosse un dictat, una filosofia, da capire e in cui immergersi per ritrovarsi arricchiti.
Tra le aziende italiane, che costituiscono la punta di diamante della manifestazione, spicca il nome di Sebastiano Di Rienzo, “maestro sartore”, un nome storico nel mondo della moda, un vero talento, un personaggio entrato nel mondo della moda da ragazzo, spinto dalla sua grande passione, nell’Atelier di Valentino, dove lavora per 4 anni prima di creare una sua azienda con il suo nome. I suoi sono “Sogni cuciti a mano” , come spiegherà più tardi in un libro uscito in concomitanza dell’apertura del Museo d’Arte Sartoriale di Capracotta SEBA, dove Di Rienzo presenta una collezione di 700 modelli, tutta la sua vita in un museo, nella sua città, l’evoluzione della moda dagli anni ’60 a oggi, con una alternativa intelligente che vede i 100 abiti dell’inaugurazione sostituiti con altri allestimenti per far in modo che nel museo ‘sfilino’ via via, tutti i modelli.
Un ritorno pieno di nostalgia, quello di Sebastiano Di Rienzo, nella sua terra, bella e opulenta, piena di fascino e stile, per un concetto di moda che si è sempre portato dietro, enfatizzato da una attenzione maniacale per le stoffe, scintillanti e piene di mistero, “attori” che interpretano la riflessione di una donna, la consapevolezza di un nuovo mood per vivere una femminilità nuova dagli accenti classici, e poi, sempre nel cuore la sua terra attraverso la scoperta della sua arte, creatività, colore, il suo know how nei flash di colore che accarezzano l’anima, incontri ma anche ad abbandoni, il suo paese, momenti di gioia e di tristezza, suggestioni del cuore per emozioni che entrano nei pensieri più intimi, in fondo agli occhi, in fondo all’anima….
Infatti a Belgrado Sebastiano Di Rienzo porterà alcuni capi del Museo di Capracotta, una collezione che sarà il soggetto di uno shooting sorprendente effettuato dal fotografo Edoardo Tranchese e da Luciano Carino, gli autori della presenza alla “24 ore di eleganza” di questo grande artista italiano, un maestro d’arte, artigiano sapiente, testimone della couture italiana, fatta di tagli, pinces, drappeggi, il glamour puro, stoffe lussuose, outfit dalle linee ricercate, all’apparenza banali, ma solo all’apparenza, per una femminilità che ancora oggi non è mai stata così glamour per donne dal carisma evoluto, tecnica sartoriale che seduce al primo sguardo…..la storia della moda, l’eleganza pura per abiti importanti, che segnano il corpo senza costringerlo, giacche avvitate, capispalla sartoriali, lampi di luce di ricami fatti a mano che sottolineano vita e fianchi, tessuti di una morbidezza affascinante con intarsi luminosi, ma soprattutto la figura di una donna, preziosa, contraddistinta da un concetto couture narrato da Sebastiano Di Rienzo.
Courtesy pressCristin Vannuzzi e photo Edoardo Tranchese I Fotografi

il mago del make up al Zenith 24 ore di Elegance

LUCI E OMBRE PER UN MAGO DEL MAKE UP….LUCIANO CARINO HM Make up – Italy

La luce del volto per Luciano Carino.
Luciano Carino è un Campano, di Napoli, e come tale ha nel suo DNA la creatività della sua terra, e non a caso il suo è un lavoro di mera creatività: talento, fantasia, tecnica, colore, prodotto, inventiva, osservazione, studio……la somma assoluta per creare il capolavoro….
Non potevano certo mancare Luciano Carino e la figlia Miriam alla quinta edizione della manifestazione glamour “Zenith 24 ore di Elegance – Concours d’Elegance & Salon of Excellence powered by Chivas” , evento esclusivo fondato da Alex Djordjevic in collaborazione con Cristina Egger, della DeGorsi Excellence advisory, si terrà il prossimo 11/13 settembre a Belgrado presso il Royal White Palace il Palazzo Reale con il patrocinio di Sua Altezza Reale il Principe Ereditario Alessandro e la moglie principessa Katherine, supportato dal Grand Casinò di Belgrado.
Mani, nuca, piedi, spalle, schiena, fianchi, gambe ci parlano attraverso le aperture dell’abito, i riccioli, ribelli, possono essere costretti, ma il volto, attraverso il rivelato di Carino, è quasi impudico, nella sua assoluta bellezza e nudità: il volto, per Carino, è una pagina bianca , di cui diventa creativo, giocoliere dell’anima ed esecutore di bellezza.
Con la sua creatività, caratteristica rubata alla sua terra, effettua una vera e propria rivoluzione artistica, rivelando la bellezza di ogni volto, la sua è una attenta riflessione sul lavoro che esegue, che non si stanca mai di cercare la bellezza.
Arrivato da Napoli a Roma, fine anni 80, studente liceale 17enne, e capitato per caso da suo zio “Olivier”, il coiffeur delle dive in via del Babuino, viene letteralmente folgorato dal mondo del bello, del cinema, del glamour e da qui inizia a girare il mondo, Londra, Parigi, New York, per quelli che oggi si chiamano stage, per imparare direttamente sul campo una professione che ama e che lo incuriosisce e che vuole gestire in maniera innovativa, per quegli anni, sia come mood che come prodotti. Al suo ritorno a Roma diventa direttore artistico di Gil Cagnè, con importanti incontri professionali con tutte le più belle donne del mondo del cinema, del teatro e del fashion, e, successivamente, fonda la società con Alberto Capurro, la HM make up Italy, iscritta all’albo dei fornitori Rai; importante la sua collaborazione con gli stilisti più noti, “veste” il viso con il suo tocco finale sui volti delle più famose top model : la sua è decisamente una vita…. nella bellezza!!!

E’ solo un paio di scarpe? Duccio Venturi Bottier

DUCCIO VENTURI BOTTIER
….è solo un paio di scarpe?
Zenith presenta
24 ORE di ELEGANZA – CONCOURS D’ELEGANCE & SALON OF EXCELLENCE
A BELGRADO, powered by Chivas- Palazzo Reale di Belgrade, 11-13 settembre.

La quinta edizione della manifestazione glamour “Zenith 24 ore di Elegance – Concours d’Elegance & Salon of Excellence powered by Chivas” , evento esclusivo fondato da Alex Djordjevic in collaborazione con Cristina Egger, della DeGorsi Excellence advisory, si terrà il prossimo 11/13 settembre a Belgrado presso il Royal White Palace il Palazzo Reale con il patrocinio di Sua Altezza Reale il Principe Ereditario Alessandro e la moglie principessa Katherine, supportato dal Grand Casinò di Belgrado.
Dopo 4 edizioni, dato l’enorme successo della manifestazione, questa quinta edizione, da 24 ore, passerà alla durata di 3 giorni, nei quali si evidenzierà il talento di Cristina Egger e Alex Djordjevic, cool hunter “scopritori di talenti”, aziende nuove oppure già affermate, un Team sempre alla ricerca in tutto il mondo di brand unici, artigianato di alto target, prodotti di nicchia, e, celebrando l’alta qualità, si riuniscono il famosissimo marchio dei orologi ZENITH con il 150 anniversario del loro movimento ed El Primero con MARTELL cognac, che celebra 300 anni della storia.
La manifestazione è dedicata ad una selezionata raccolta dei migliori brand riconosciuti a livello mondiale per la loro qualità, artigianato, oltre ad una esposizione di auto d’epoca: incontriamo l’uomo che ha fatto di una nobile arte artigiana un’opera senza eguali, Duccio Venturi Bottier, il designer che realizza capolavori da indossare.
DUCCIO VENTURI BOTTIER, un brand che vuol dire ricerca, artigianalità, eccellenza….è nella creatività in cui Duccio Venturi ha sempre creduto e cercato, nato da una famiglia di imprenditore della calzatura e poi un percorso di intense collaborazioni con le più note maison di moda ed haute couture italiane e non come Cadette, Franco Moschino, Thierry Mugler e Sergio Rossi, e poi i primi passi con un proprio brand, Duccio Venturi Bottier, affiancato in unione sinergica dalla figlia Aliai, in quanto Venturi ha perfettamente compreso che, anche se l’abito può essere low cost o meno appariscente, sono proprio le scarpe che rimangono il vero accessorio fashion, la donna che si riappropria della propria femminilità, “ritorna sui tacchi” e torna ad essere l’oggetto del desiderio che fino dal Medio Evo è sempre stata.
Le scarpe di Duccio Venturi fatte da artigiani italiani, “maestri” nella costruzione delle scarpe, tacchi, tomaie, pellame, tutto di altissima qualità per una donna che segue l’evoluzione della moda, in una continua ricerca del nuovo e del bello, sottolineando dettagli che fanno subito moda e rendono il marchio icona per ogni fashion victim: una passerella di scarpe dai colori inaspettatamente vibranti e bon ton, la bellezza e la femminilità esasperata per immaginare un romanzo d’amore che sottolinea la seduzione con pennellate di verde elettrico, il rosso fuoco, il rosa caramella, l’arancio, passi sottintesi e seducenti, con gli accenti ammiccanti di una moda che è, ormai, diventata un must “Duccio Venturi Bottier” !!!!
Incontriamo Duccio Venturi e la sua bella figlia Aliai durante l’allestimento del suo stand all’evento “24 Ore dell’Eleganza”, a Belgrado, che lo vede mattatore incontrastato della scarpa, una variopinta e affascinante girandola di colore, di raso e velluto, di luccicare di Swarovsky, di tacchi vertiginosi ma anche di minimali suole flat.
Duccio, da Pitti a New York, da Parigi a Belgrado, perchè??
Vedi, sono reduce dalle sfilate di Parigi, dove tutto è meraviglia, glamour, alta sartoria, noi stilisti si va anche per imparare, oltre che esporre e vendere. Ma ho voluto accogliere l’invito di Cristina Egger perché mi attirava Belgrado e la Serbia, un paese che esce dalla guerra, una immagine di dolore e morte, ma che intravede la speranza, proprio dal fashion, come se la volontà di ricominciare nascesse da quello che – apparentemente – sembra un contesto di cose frivole della vita ed invece la moda, gli accessori, tutto quello che ruota intorno alla moda, è un veicolo di lavoro, di creatività, di artigianalità e sono felice perché a Belgrado, insieme ad altri brand, noi rappresentiamo l’Italia.
Duccio Venturi Bottier, il tuo stile?
Il mio è un omaggio alla donna, la sua bellezza, la sua unicità, io trasformo le sue emozioni in cuoio, pelle preziosa, tomaio, suola, lacci, bijoux.
Creativi si nasce o si diventa?
Io ho mosso i primi passi nella calzatura, nell’azienda di famiglia, realizzando pezzi su misura e interamente a mano. Oggi mi è rimasta la vocazione artigiana, io mi sento principalmente un “artigiano” prestato all’imprenditoria, la mia nascita professionale è rimasta legata al know-how creativo, seguito da anni di ricerca e viaggi per conoscere, imparare, esplorare, e successivamente sperimentazioni prima di arrivare alla mia prima collezione con il mio brand.
Oggi le mie creazioni si riconoscono, ed è quello dove volevo arrivare, il brand che si fa notare e riconoscere: è quando ho capito di avere costruito così quell’indiscutibile patrimonio d’ identità del mio marchio, un dna ormai riconoscibile.
Che cosa è la creatività per te
Un messaggio: quello che voglio dare è un messaggio, di come “interpreto” l’accessorio più importante nella vestibilità della donna: scarpe non banali, messaggi fashion che si modificano continuamente seguendo le evoluzioni dettate dalla moda, accessori costruiti attraverso studio, ricerca e attenzione maniacale di ogni dettaglio.

Duccio e Aliai
Press e photo courtesy Cristina Vannuzzi

Emanuele Filiberto presenta Prince Tees

PRINCE TEES
A Belgrado un brand regale al 24 Hours of Elegance

Una corona per Logo….un Logo impegnativo che il Principe Emanuele Filiberto di Savoia usa con ironia. Un ragazzo solare, un nome importante, storico, anche imbarazzante, ma il Principe , che poteva essere re, ride e racconta questa sua nuova avventura, intrapresa seriamente. Il cuore rivolto al Made in Italy, con un partner di indubbio valore, Enzo Fusco (FGF Industry Spa), un grande del mondo del fashion, ecco che nasce Prince Tees, una capsule collection di 8 t-shirt in cotone e cachemere, una combinazioni di preziose fibre naturali, morbide al tatto e piacevoli da indossare, ideali sotto il blazer o il maglione in lana. Ogni t-shirt è curata nei minimi dettagli, impreziosita da elementi grafici unici e realizzata interamente in Italia, pensata per una clientela internazionale, raffinata ed elegante, amante dei prodotti artigianali e sartoriali.
Emanuele raccontaci questa “24 ore dell’eleganza” a Belgrado
E’ un evento, che ha già 4 anni di vita, che si svolge al Palazzo Reale, dall’11 al 13 settembre, sotto il Patronato del Crown Prince Alexander II e di sua moglie Principessa Katarina, nato come concorso di eleganza per auto d’epoca e con un piccolo salone di lusso; oggi, dopo tanto successo, con la scoperta di una nuova città così giovane e vivace come Belgrado, la cena a palazzo reale, fra favola e realtà, l’evento si è esteso a 3 giorni e si è arricchito di gioielli e moda couture, un occhio alla solidarietà con una asta benefica rivolta a orfanatrofi e ospedali.
E perché hai deciso di presentare il tuo giovane brand proprio a Belgrado?
Era nell’ottica degli organizzatori dell’evento, Cristina Egger e Alex Dordevic della De GorsiLuxury Consulting: la loro idea era quella di unire brand importanti alla storia del Paese, infatti mio cugino Serge di Yugoslavia, è figlio di mia zia Maria Pia di Savoia, e, dopo anni di esilio, ritrovare la nostra storia, ecco perché ho aderito con entusiasmo al loro invito.
In questa inedita veste ti senti un creativo?
Ciò che mi ha dato la spinta è stata la passione per questo lavoro, la voglia di creare c’era, in sinergia con un imprenditore fantastico, Enzo Fusco, titolare di FGF Industry (in portfolio brand come Blauer e C.P. Company), che produce le magliette, rigorosamente made in Italy, un grande maestro imprenditore, che produce qui in Italia; insieme a lui, abbiamo anche le stesse iniziali!!!! andiamo ogni giorno alla ricerca della bellezza, vogliamo che ogni nostro capo abbia dietro di sé una storia da raccontare.
A Belgrado dunque Prince Tees con una capsule collection di 8 capi…..
Un inedito sporty chic, il collegamento di un prodotto di altissima qualità con una corona, che, nel tempo, riesca a trasformare questo Logo in una qualità, facendone persino la cifra della mia creatività. Magliette preziose, in cotone e cachemere, “l’errore voluto e divertente” delle cuciture all’esterno a vista e i tagli al vivo. Magliette da indossare dalla mattina e per tutto il giorno, con jeans e sneaker con sopra una giacca per la sera». Questo è solo l’inizio di un’avventura che, stagione dopo stagione, si amplierà, con l’idea di arrivare a un total look.
Il prossimo passo saranno le felpe – torna a raccontarci Emanuele Filiberto – le t-shirt saranno in vendita da settembre, con la collezione invernale, in un selezionato gruppo di negozi, sia in Italia che all’estero.

La tua è una presenza emblematica a Belgrado?
Sicuramente, e, se mi permetti, dopo avere parlato di fashion e di storia, voglio parlare di futuro, citando la conclusione del discorso del Presidente Mattarella, durante la sua visita in maggio a Belgrado, citando, nel quarantennale della sua morte, Ivo Andric, Premio Nobel per la Letteratura nel 1961.

“Ovunque nel mondo, in qualsiasi posto il mio pensiero vada o si arresti, trova fedeli e operosi ponti, come eterno e mai soddisfatto desiderio dell’uomo di collegare, pacificare e unire tutto ciò che appare davanti al nostro spirito, ai nostri occhi, ai nostri piedi affinché non ci siano divisioni, contrasti, distacchi”.…giustamente, perché l’Adriatico unisca i nostri Paesi nella comune aspirazione alla pace, alla libertà e al progresso.

Press e photo courtesy Cristina Vannuzzi

CONCOURS D’ELEGANCE & SALON OF EXCELLENCE

CONCOURS D’ELEGANCE & SALON OF EXCELLENCE
A BELGRADO

Si svolgerà la quinta edizione della manifestazione glamour “Zenith 24 ore di Elegance – Concours d’Elegance & Salon of Excellence powered by Chivas” , evento esclusivo fondato da Alex Djordjevic in collaborazione con Cristina Egger, della DeGorsi Excellence advisory, dall’ 11 al 13 settembre a Belgrado presso il Royal White Palace il Palazzo Reale con il patrocinio di Sua Altezza Reale il Principe Ereditario Alessandro e la moglie principessa Katherine, supportato dal Grand Casinò di Belgrado.
Dopo 4 edizioni, dato l’enorme successo della manifestazione, questa quinta edizione, da 24 ore, è passata alla durata di 3 giorni, nei quali si evidenzia il talento di Cristina Egger e Alex Djordjevic, cool hunter “scopritori di talenti”, alla ricerca di aziende nuove oppure già affermate, un Team sempre in giro in tutto il mondo alla scoperta di brand unici, artigianato di alto target, prodotti di nicchia, che, presentando l’alta qualità delle aziende in esposizione, hanno riunito il marchio dei orologi ZENITH con il 150 anniversario del loro movimento ed El Primero con MARTELL cognac, che ha celebrato i 300 anni della storia di questo brand famoso in tutto il mondo.
La mission della Egger e di Djordjevic è quella di insegnare la bellezza del fashion, diffondere l’eleganza, con i suoi codici, i simbolismi, le sue dietrologie, proprio come se fosse un dictat, una filosofia, da capire e in cui immergersi per ritrovarsi arricchiti.
Il Salone dell’Eleganza, nato da 5 anni, proprio per “educare” i visitatori, sceglie l’alto artigianato come icona di approfondimento culturale per suggerire il concetto di una moda che, in questi tempi, non è mai stata meno superficiale. Lo si intuisce certo dai brand esposti e dalla selezione effettuata da Alex Djordjevic e Cristina Egger, rigorosi e puntuali nelle loro scelte, in relazioni ai brand scelti e presenti alla manifestazione, stagione dopo stagione, sempre più ricchi di novità italiane e straniere con un focus sull’artigianalità che combatte l’idea di un abbigliamento omologato e di poca qualità creando un’interessante selezione di designer che portano freschezza e attualità, rendono omaggio alla cultura Italiana.
A Belgrado la parte del leone la fanno sicuramente le aziende italiane, che evidenzino stile, artigianato e creatività del made in Italy.
Interessante come proposta è una delle prime uscite al pubblico, il giovane brand Prince Tees, che presenta una capsule collection di t.shirt di cachmere, un gioiello imprenditoriale creato e pensato da Emanuele di Savoia ed Enzo Fusco, una partnership che propone la figura del principe in una inedita veste imprenditoriale, e, come afferma il Principe in una intervista: “Ho accolto l’invito di Cristina Egger e sono ben felice di partecipare a questo evento in Serbia, paese con il quale la famiglia Savoia è legata, sia per storia che per parentela”.
Lusso ed eleganza per Pasquale Bruni Gioielli e le sue creazioni delicate e raffinate, la cura del design che evidenzia la tradizione italiana, tecniche ormai secolari fatte rigorosamente a mano, ogni gioiello rappresenta l’espressione più elevata del made in Italy e il lavoro dei maestri orafi; Duccio Venturi Bottier, un talento arrivato dalla Marche, una sensibilità naturale per capire che, anche se l’abito può essere low cost o meno appariscente, sono proprio le scarpe che rimangono il vero accessorio fashion, la donna che si riappropria della propria femminilità, “ritorna sui tacchi” e torna ad essere l’oggetto del desiderio che fino dal Medio Evo è sempre stata. La Sartoria Fiorentina Liverano, per un gentleman, un uomo perfetto, rimasto ai tempi che “vestirsi” voleva dire indossare e non coprirsi frettolosamente, un insieme di elementi….il taglio, la stoffa, le fodere, le cuciture, i bottoni, le asole, che costituisce un mondo racchiuso in un capo, un capo spalla, la sartoria di capi da uomo, poi, sempre da Firenze, Stefano Bemer, un marchio storico per scarpe fatte a mano, la storia di un artigiano prematuramente scomparso e il proseguo del suo progetto portato avanti dai nuovi proprietari, la Scuola Del Cuoio in Santa Croce, Tommaso Melani e il nipote Filippo Parri: il brand Stefano Bemer che ha attirato vip e attori, che arrivano da tutto il mondo per scoprire le sue magiche scarpe, e tutto il mondo che le circonda, tomaie, tacchi, pellame di grande qualità, cere, aghetti, un mondo infinito, unico e segreto, il segreto del “fatto a mano”, segreti che all’estero forse conoscono prima di noi, infatti ebbe una grande risonanza sulla stampa che l’attore Daniel Day-Lewis, Film del 1992 “L’Ultimo dei Mohicani”, in cura per un esaurimento, fosse arrivato in Italia per uno stage nel suo laboratorio dell’Oltrarno, un ciabattino di lusso!!!!
Sempre italiana l’Antica Barbieria Colla, di Milano, una “bottega” storica e non un negozio, come ama chiamarla il suo proprietario, Franco Bompieri, che ha mostrato una eleganza e uno stile di una Milano che non c’è più: entri in questo santuario dell’eleganza e ti sembra di vedere quella Milano degli spazzini di “Miracolo a Milano”, quella dei ladruncoli e degli immigrati di “Rocco e i suoi fratelli”, per finire con la Milano raffinata do Luchino Visconti, Franco Bompieri, un “artigiano dell’eleganza”, che ha conosciuto la fame ma anche la Scala, gli spazzini e i principi, i ladri ed i grandi banchieri.
Presenti in mostra gli orologi Zenith, e sfido chi di noi non ha avuto il suo orologio Zenith alla sua prima comunione, il brand con la stella, al polso, che si è evoluto, modificato e reso perfettamente moderno, in linea con i tempi, e qui in Serbia ha festeggiato i suoi 150 anni di attività ed infine un italiano, da Napoli, bello e talentuoso, Luciano Carino, un artista del make up, che, insieme alla figlia Miriam, ha creato il Brand HM e “disegna” sul viso delle sue clienti, una magica mano che esalta, corregge, evidenzia i tratti di un volto, per lui un viso è una pagina bianca che lo fa sognare, un vero talento. E poi gli occhiali, il trend di moda oggi, un accessorio irrinunciabile, gli occhiali OP Mood di Luca Pagni,
pezzi unici e fatti a mano, materiali inediti, come l’alluminio, e ricoperti di pelle di cavallino stampato, gioielli sul viso, per personalizzare in maniera unica uno sguardo.
Non italiani il brand del libanese Abed Mahfouz, l’alta moda fashion, un brand ormai internazionale, che sfila a Parigi, a Roma, in tutto il mondo, che mostra donne sognanti, come ci si vestiva un tempo, abiti fatti di stoffe raffinate, suntuose, linee da sirena ma studiate e costruite, ricami fatti a mano, flash luccicanti e intriganti, un mondo da farfalla, da sirena, da donna glamour fatta e concepita per “donne che si vestono” ed infine la collezione di auto d’epoca del Club Rolls Royce di Montecarlo, anche questa presenza è una rappresentanza di come ci si vestiva, si usciva, quando la macchina era uno status symbol, da mostrare, e non un quattroporte per spostarsi velocemente in città.
Tre giorni bagnati dal Cognac Martell, che festeggia 300 anni di vita, per un evento emblematico, la 24 ore dell’eleganza, per una Belgrado diversa, un mondo completamente cambiato, una memoria che tutti vogliono dimenticare, 15 anni di guerra, e la voglia di ricominciare partendo con forza e con coraggio dalla cultura del bello e dell’eleganza.
Press e photo courtesy Cristina Vannuzzi

Outfit tifosa romantica

outfit tifosa

Un altro outfit, questa volta romantico. Ho pensato ad una maglia ed ad un pantalone blu, abbinati a delle sneacker floreali,che riprendono nello stesso tema lo zaino, e la cover dello smartphone, e un orologio rosa. Gli occhiali da sole in tinta con pantaloni e maglia. Anche le romantiche possono essere sportive, o anche le sportive possono essere romantiche?